Bari, molesta una donna sul Lungomare. Calci e pugni alla Polizia per sottrarsi alla cattura. Preso cittadino libanese

In difesa della donna è intervenuto un ambulante, aggredito dall’uomo con lanci di bottiglie di birra.

Questa notte, a Bari, la Polizia ha arrestato un libanese incensurato per i reati di resistenza e minacce a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate. Alle 2 di notte una Volante è intervenuta sul Lungomare Crollalanza, dopo una segnalazione relativa a una lite.

All’arrivo dei poliziotti molte persone si sono allontanate in fretta dal luogo ma l’attenzione degli agenti si è focalizzata su un uomo straniero, indicato da un venditore ambulante di bevande, che poco prima avrebbe importunato e minacciato una ragazza di nazionalità italiana. L’ambulante, intervenuto per difendere la donna, avrebbe subìto la reazione dell’immigrato che, dopo essersi impossessato di numerose bottiglie di birra custodite nel suo frigorifero, avrebbe iniziato a lanciarle verso alcuni suoi connazionali, anch’essi intervenuti per tentare di calmarlo, e verso lo stesso commerciante.

Il soggetto in questione si è poi dato alla fuga percorrendo Corso Cavour ma, raggiunto dagli agenti, è stato fermato e tratto in arresto nonostante il suo tentativo di sottrarsi alla cattura, durante il quale ha colpito più volte i poliziotti con calci, pugni e sputi. L’ambulante ha riportato contusioni e ferite al gomito ed al ginocchio, mentre le bottiglie distrutte dal migrante sono 240. (fonte)

 

Comments

comments