Carabiniere contro i migranti ​”Ci vorrebbe una bella bomba”

A Monza cittadini e forze dell’ordine esasperata dalla situazione migranti. Dopo un intervento, un carabiniere attacca i profughi

bombaUna frase detta in privato da un carabiniere, ma registrata con un telefonino. 

Un consiglio e uno sfogo. A Monza in uno stabile di via Asiago vivono 126 migranti e solo 34 italiani. Una sorta di assedio. Alcuni giorni fa uno dei migranti avrebbe tentato il suicidio, gettandosi da un balcone.

La frase del carabiniere contro i profughi

Secondo quanto riporta ilpopulista con un video, infatti, i cittadini sarebbero accorsi in piazza, sconvolti da quanto successo. Sul posto sono arrivate anche le autorità: un’ambulanza e alcune moto dei carabinieri. Uno dei cittadini ha registrato una parte del dialogo tra militari e abitanti.

“Questo se lo dimettono poi torna qua”, dice il carabiniere. “Sì, sì”, convengono i cittadini, “ma il prefetto ha pure detto: ‘Questa è bravissima gente'”. Poi la frase che farà scatenare alcune proteste: “‘Na bomba bisognerebbe dargli”, afferma il militare – perché non andate in televisione? Andate tutti i giorni a rompere le scatole”.

Poi il video si chiude. E tutto torna alla normalità. Ma rimane l’esasperazione dei cittadini.
(fonte)


 

VIDEO / Il carabiniere contro i profughi: “‘Na bomba ci vorrebbe!”. E suggerisce agli inquilini di rompere le scatole

L’ESASPERAZIONE DEL CARABINIERE: In via Asiago, a Monza, la situazione è fuori controllo e la paura dei pochissimi condomini cresce

Sabato scorso uno dei 115 profughi che da 9 mesi risiedono in via Asiago a Monza ha tentato di suicidarsi cercando di gettarsi dal balcone dell’alloggio dove vive. Sul posto sono accorsi carabinieri e ambulanza. I cittadini sconvolti sono scesi in cortile e chiedendo informazioni sull’accaduto hanno iniziato un dialogo con le forze dell’ordine. Un carabiniere sbotta e rivolgendosi agli inquilini dice:”Ma voi vivete qua? Ma perché non fate casino con le televisioni? Dovete rompere il ca***!”.
IL VIDEO

 
 
 
 

Comments

comments