“Duce, torna più cattivo che mai”: il post della sindaca leghista di Gazzada scatena la polemica social

“Quando ti reincarni?”. Facebook la attacca, ma Cristina Bertuletti non fa nessun passo indietro e rincara: “Mussolini oggi sarebbe più che leghista”

"Duce, torna più cattivo che mai": il post della sindaca leghista di Gazzada scatena la polemica social“Duce, oh Duce, quando ti reincarni?”: l’invocazione è stata postata su Facebook da Cristina Bertuletti, sindaco di Gazzada, nel Varesotto, e molto conosciuta in zona per le sue posizioni spesso estremiste. Appena qualche giorno fa aveva sostenuto che la segretaria nazionale della Cisl, Annamaria Furlan, meriterebbe la pena capitale perché guadagna troppo, e ora lancia pubblicamente (ha quasi 4.000 amici sul social network, ma il post in questione è visibile a tutti) un’invocazione a Benito Mussolini perché ritorni “grasso, grosso e più cattivo che mai”.
"Duce, torna più cattivo che mai": il post della sindaca leghista di Gazzada scatena la polemica social
Non appena il web ha iniziato a reagire all’esternazione con una serie di commenti indignati, il primo cittadino non ha tentennato neppure per un istante, anzi ha contrattaccato: “Italianucoli ottusi … siete sotto dittatura e non ve ne accorgete” scrive, rincarando poi la dose: “Io sono leghista e ripudio tutto ciò che accomuna gli italioti, specie se rossi. E pure rosé” e dicendosi sicura che “il Duce oggi sarebbe più che leghista. Direi integralista”.
"Duce, torna più cattivo che mai": il post della sindaca leghista di Gazzada scatena la polemica social
E a chi le fa notare che era proprio il fondatore della Lega, Umberto Bossi, a schierarsi contro “la repressione fascista nei confronti del Nord”, la Bertuletti risponde così: “Io avevo la tessera dell’Msi. Poi è arrivata la Lega e sono stata conquistata dal progetto di Bossi. Ora dimmi: dei 10milioni di lombardi (tralasciamo il Nord) quanti hanno condiviso, appoggiato e votato questo progetto? E allora… dove vogliamo

 

andare? L’indipendenza ce l’ha solo Roma dove fanno e disfano senza che il popolino sappia. Credo che Matteo Salvini stia facendo la cosa giusta. Il Duce oggi calibrerebbe la sua politica su questo stato corrotto”.

Secondo quanto riporta il quotidiano locale la Prealpina, l’opposizione in Comune non ha ancora voluto pronunciarsi sulla questione, mentre i vertici provinciali del Pd hanno definito “parole gravissime” le esternazioni del sindaco. (fonte)

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*