Immigrati picchiano un consigliere trentino per averli filmati mentre spacciavano

Rovereto, gruppo di immigrati aggredisce il consigliere Bertè

ragazzo bertèAncora scene di brutalità e violenza in Trentino.

Questa volta a farne le spese è stato il consigliere della circoscrizione sud di Rovereto Daniele Bertè.

«Erano circa le 19 di martedì sera e come tutte le sere, dopo lavoro, vado a fare jogging per scaricare la tensione – racconta Daniele Bertè – quando fermandomi al parco ex Ferrari ho deciso, vista la situazione di degrado in cui versa il parco, di filmare alcuni extracomunitari intenti a bere alcolici e per documentare l’abbandono di grandi quantità di bottiglie rotte lasciate in mezzo al verde del parco».

A questo punto è scattata l’aggressione degli stranieri, «sembravano tranquilli, – racconta Bertè ancora sotto shock – ho salutato educatamente ma d’improvviso sono stato afferrato per un braccio e in seguito accerchiato da 5 o 6 persone». 

Poi il drappello di immigrati ha chiesto al consigliere di consegnare immediatamente il cellulare con cui aveva girato il video. Dopo l’opposizione di Bertè le minacce sono diventate insistenti e alcuni stranieri hanno cominciato a strattonarlo.

«Mi urlavano di consegnare il cellulare perché nel parco non si potevano fare le riprese» – precisa ancora Bertè.

La situazione è andata avanti per diversi minuti, il tutto sotto gli occhi terrorizzati di alcune mamme che facevano giocare i bambini nel parco.

Ma è stato grazie all’intervento di queste persone che la cosa non è degenerata. Alcune di loro infatti sono intervenute in favore del consigliere gridando di lascialo andare subito. 

È stato in quel momento che il gruppetto di immigrati ha desistito e si è allontanato.

Le condizioni fisiche di Daniele Bertè sono buone e al pronto soccorso di Rovereto non sono state riscontrate ne fratture ne lesioni. Rimane il forte stato di shock.

Bertè si è poi recato presso la caserma dei carabinieri di Rovereto per sporgere denuncia verso ignoti e per consegnare il video girato nel parco alle forze dell’ordine.

L’aggressione  ha anticipato solo di poche ore quella avvenuta presso Piazza Dante ieri mattina (leggi qui l’articolo)  ai danni di una donna di 62 anni che è stata ricoverato al Santa Chiara di Trento. (fonte)

Comments

comments