Islam. “Le donne sono come le banane” Ecco perché le donne devono portare il velo

“Le donne sono come le banane” Ecco perché l’islam impone il velo
Burkini o bikini? Per i movimenti musulmani coprirsi significa protezione. Ma le donne scelgono liberamente di indossarlo?

Capire i motivi che spingono i musulmani a rivendicare a gran voce il diritto di far indossare alle loro donne il burkini in spiaggia, invece di un più attraente bikini, non è cosa facile.

Come peraltro accade spesso quando si tratta di leggi islamiche. Ebbene: per alcuni è un dettame ormai superato; per altri è un obbligo morale delle ragazze, richiesto da Allah; un’altra fetta di musulmani, invece, crede che il velo sia una sorta di protezione. Spesso le ultime due risposte si sovrappongono e sono state utilizzate in questi giorni da diversi imam italiani per sostenere il “diritto al burkini”.

Perché il velo è obbligatorio per le donne:
A spiegarmi dettagliatamente tali ingarbugiate posizioni sono stati i Tabligh Eddawa, il movimento radicale islamico che professa “l’unico vero islam” in Italia. Quando presentai la domanda a Jaouad Benali, un ragazzo 20enne che abita vicino Modena, fu più chiaro di tanti saggi imam nell’enunciare le sue motivazioni. “All’inizio, quando ero lontano dalla strada di Allah – mi raccontò – ho avuto anche diverse ‘morose’. Ne cambiavo tante. Ma ora ho capito perché Dio chiede alla donna di coprirsi. La donna è come una banana: se gli togli la buccia, dopo due giorni diventa marcia”. Impura, insomma.

L’immagine sembrerà banale, ma non lo è. E spiega perfettamente l’islamico pensiero: le femmine che si mettono in mostra si sviliscono, perdono la loro verginità visiva. Una moglie, infatti, deve farsi bella solo per suo marito. In casa e mai in pubblico. “Voi pensate che la vera libertà sia quella della mingonna. Ma vi sbagliate: questa è la libertà degli animali”, mi ammonì l’imam della comunità Tabligh quando provai a eccepire che in fondo ognuno è libero di indossare ciò che gli pare.

Allora viene da chiedersi: si può definire autonomia di scelta quella di una ragazza il cui un uomo (marito, padre o figlio che sia) la mette nelle condizioni di sentirti impura se non indossa un hijab?

Il vero problema è che a dividere la concezione occidentale della donna da quella islamica non sono piccole differenze. Ma un enorme cratere. Cambia lo status sociale, le sue libertà, i suoi limiti di azione e i suoi diritti. Il ruolo della musulmana è quello di moglie e madre, nata per “costruire l’uomo di domani”. E poco altro. Può lavorare, certo, ma solo se non “toglie amore al bambino” e comunque esclusivamente nei casi in cui il marito non riesca a portare a casa la pagnotta.

Ecco dove il velo islamico si discosta da quello delle suore cristiane. Il primo si inserisce in un brodo sociale che lo rende in qualche modo una imposizione. Fisica o sociale poco importa. Nella famiglia islamica la sfera intima deve rimanere tale, è essenziale che la donna non non crei scandalo e non diventi soggetto (troppo) pubblico. Perciò coprirsi il capo, anche se non è una legge scritta, diventa un ordine morale.

Volete una dimostrazione? L’imam del gruppo Tabligh ha una figlia. Non la obbliga a mettere il burqa finché è giovane, ma le vieta di vestire all’occidentale. Niente minigonne perché “mettono in imbarazzo il padre” e l’eventuale marito. Possiamo chiamarla emancipazione ed uguaglianza, questa?

Per carità, ognuno è libero di pensarla come vuole. Se una donna sceglie volontariamente il velo non le si può certo negare tale diritto (nei limiti della sicurezza pubblica). Ma qui occorre riflettere sul significato sociale della copertura islamica e della “svestizione” occidentale. E poi scegliere. Quale preferire, dunque? La libertà fatta di decolletè, seni in modalità “vedo non vedo” e bei bikini? Oppure il conformante burqa calato sul volto e lo sgargiante gioco di colori di un burkini da spiaggia?

Il lettore mi perdonerà se dico di preferire la banana senza buccia.

Ps. Qualcuno potrà sostenere che le giovani occidentali sono schiave della moda, costrette ad “apparire” e via dicendo. Qualcuno potrà pensare sia bene non vadano in giro troppo svestite. Un punto su cui si può ragionare. Ma questo non significa accettare il burqa.
(fonte)

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*