La lezione di Mara. Carfagna zittisce la Boldrini: “Stucchevole… taccia”

E NON NE PARLIAMO PIÙ: La lezione di Mara. Carfagna zittisce la Boldrini: “Stucchevole…”, definitiva

carfagna-boldriniSolo pochi giorni fa, il presidente emerito Giorgio Napolitano aveva avuto un sussulto di dignità quando, proprio davanti a Laura Boldrini, si era ribellato all’uso dei sostantivi ministro e sindaco declinati al femminile. Alla sacrosanta battaglia di civiltà si è unita anche l’ex ministro Mara Carfagna che di suo pugno ha scritto sul Tempo: “La presidentessa, la ministra, la sindaca, la sottosegretaria, declinazioni al femminile che rendono cacofonicamente inascoltabili alcune parole della lingua italiana”.

La querelle della “gambetta” della “o” sulla “a” non è solo una questione linguistica, ma è diventata ormai il fulcro del dibattito sulla parità di genere: “Una donna – si chiede la Carfagna – ha davvero bisogno di quersto per sentirsi completamente riconosciuta nel ruolo che ricopre? Non credo. La gambetta non dimostra il valore, l’intelligenza, lo spessore, la preparazione, non aggiunge nulla e francamente trovo l’accanimento su di essa alquanto superfluo e stucchevole”.

Quell’accanimento è tutto concentrato nella circolare prodotta dall’ufficio di presidenza della Camera, con la quale si obbliga all’uso dei sostantivi declinati al femminile. Eppure le priorità, secondo la Carfagna, dovrebbero essere altre: “Ci sono milioni di donne in Italia che non ambiscono a ricoprire ruoli di prestigio in politica o nelle istituzioni, ma che fanno i conti con violenze, discriminazioni e ingiustizie. Ed è per loro che dobbiamo lavorare, a testa bassa, senza crogiolarci in un senso di disparità che con determinati atteggiamenti non si fa altro che aumentare”. (fonte)

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*