L’Ue affida alla Kyenge l’emergenza immigrati

Dovrà decidere le iniziative strategiche per risolvere l’emergenza nel Mediterraneo. Il Pd esulta (gli scafisti pure)

L’Europarlamento mette l’emergenza immigrazione nelle mani di Cecile Kyenge

Toccherrà all’ex ministro per l’Integrazione trovare una solizione a un problema che sta assumendo, soprattutto in Italia, proporzioni drammatiche. Insieme all’eurodeputata maltese Ppe Roberta Metsola, sarà la correlatrice del “rapporto di iniziativa strategico sulla situazione nel Mediterraneo e sulla necessità di un approccio globale dell’Ue alle migrazioni”. Un nome altisonante per un incarico che difficilmente aiuterà l’Italia a risolvere un’emergenza che si trascina dietro ormai da anni.

Nel 2014 in Italia sono sbarcati 180mila clandestini. Nel primo bimestre del 2015 il flusso è più che raddoppiato rispetto all’anno precedente. È il fallimento delle missioni Mare Nostrum e Triton, salutate con entusiasmo dal premier Matteo Renzi e dal ministro dell’Interno Angelino Alfano. Centinaia di morti hanno già macchiato di sangue il Mediterraneo. Dopo aver stanziato altri soldi per finanziare le operazioni di salvataggio in alto mare, l’Europarlamento punta tutto sulla Kyenge per risolvere l’emergenza. Peccato che, quando sedeva tra i banchi del governo Letta, l’allora ministro all’Integrazione premeva per la riforma dello ius soli e per la cittadinanza facile agli immigrati. Due promesse che, insieme all’operazione Mare Nostrum, hanno ingolosito i disperati che dal Nord Africa hanno sfidato il Mediterraneo per raggiungere l’Italia, ponte verso il Vecchio Continente.

“Sono riconoscente per la responsabilità che il parlamento mi ha affidato”, ha commentato Kyenge soddisfatta che l’incarico le sia stato affidato dalla larga maggioranza daglieurodeputati. “Dobbiamo superare il perenne approccio emergenziale con cui è stato sempre affrontato il tema – ha continuato – il flusso di migranti che attraversano le frontiere Sud dell’Europa è un fatto strutturale e transnazionale”. Per l’ex ministro la questione deve essere affrontata condividendo le responsabilità “tra tutti gli Stati membri ponendo al centro innanzitutto la tutela della vita umana”. Tutto il Pd si è stretto attorno alla Kyenge parlando di“ottimo risultato per l’Italia ottenuto grazie alla stima di cui gode l’eurodeputata Pd in Italia e in Europa”. “Finalmente l’Italia non si limita più a criticare le mancanze dell’Europa sull’immigrazione ma si impegna in primo piano affinché l’Ue si faccia carico delle proprie responsabilità – ha dichiarato la capodelegazione degli eurodeputati piddì Patrizia Toia – il rapporto sull’immigrazione nel Mediterraneo porterà nei prossimi mesi all’approvazione di una risoluzione che costituirà il parere ufficiale del Parlamento europeo sull’immigrazione”. Intanto che la Kyenge si studia le carte, però, gli scafisti già festeggia. Anche il 2015 sarà un anno di affari d’oro.
(fonte)

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*