Mangiano, bevono e non pagano: continuano i blitz dei migranti algerini

migranti algeriniNon bastavano scippi, furti, rapine e violenze sessuali. Ora anche il “pranzo solidale”: mangiare in un market senza pagare. L’emergenza a Cagliari, dove cittadini e commercianti sono sempre più preoccupati per la presenza di molti giovani algerini sbandati con decreto di espulsione, non è finita con i quattordici arresti delle forze dell’ordine. Nei giorni scorsi in trenta sono entrati al market Lidl in viale Marconi. Hanno raggiunto i banconi degli alimenti e hanno iniziato a mangiare sotto gli occhi sorpresi dei clienti e del personale del supermercato.

L’INTERVENTO Quando la guardia giurata si è avvicinata ai giovani – tutti arrivati da pochi giorni nel capoluogo dopo il maxi-sbarco della scorsa settimana nelle coste del Sulcis – avvisandoli che avrebbe chiamato la Polizia, c’è stato il fuggi-fuggi. Alcuni sono usciti di corsa dal punto vendita, altri hanno continuato a pasteggiare. Soltanto quando sono intervenuti gli agenti della Squadra volante qualcuno, dopo l’opera di convincimento, si è deciso a pagare quanto consumato. «Pensavamo che ci si potesse servire», hanno detto alcuni degli stranieri. Sempre nei giorni scorsi, i poliziotti in borghese della Squadra mobile hanno denunciato un altro giovane algerino, anch’egli con decreto di espulsione, per il tentato furto di uno zaino in piazza Matteotti. L’emergenza, almeno finora, sembra non aver fine.

 

IL BLITZ L’incursione alla Lidl di viale Marconi è stata una sorpresa perché distante dalle zone – Marina e Stampace – dove al momento erano stati commessi gli altri reati. Mercoledì pomeriggio, secondo la ricostruzione degli agenti delle volanti intervenuti nel supermercato, trenta giovani stranieri (quelli identificati avevano ricevuto il decreto di espulsione dopo l’arrivo sui barchini nelle coste meridionali dell’Isola) hanno cambiato zona. A caccia di cibo (gli algerini degli sbarchi diretti sono irregolari, non rientrano nel piano dell’accoglienza per i richiedenti asilo e dunque si ritrovano senza vitto, alloggio e, in molti casi, soldi) hanno raggiunto viale Marconi. Sono entrati alla Lidl, forse indirizzati da qualcuno.

CIBO GRATIS Si sono diretti verso i banconi degli alimenti. Hanno iniziato ad aprire le confezioni di cibo e si sono messi a mangiare. I clienti hanno osservato la scena, increduli. C’è chi ha avvisato il personale del punto vendita, dopo pochi istanti è arrivato il vigilante. Ha cercato di spiegare ai trenta algerini che avrebbero dovuto pagare i prodotti prima di poterli consumare. Tutto inutile. Il gruppo ha proseguito a mangiare.

LA GRANDE FUGA «Ora basta, chiamo la Polizia», ha sbottato alla fine la guardia. Davanti a queste parole, alcuni stranieri sono scappati. Non è escluso che fossero alcuni di quelli arrestati (e dopo il processo per direttissima, tornati in libertà su disposizione del giudice) tra domenica e lunedì. Magari hanno preferito evitare di trascorrere un’altra giornata tra le camere di sicurezza della Questura e tra i corridoi del Tribunale. In 20 invece sono rimasti tra i banconi della Lidl. C’è chi ha proseguito a mangiare e chi è stato bloccato prima di uscire e allontanarsi da viale Marconi. Il gruppo è stato poi identificato dagli agenti delle volanti. I poliziotti hanno convinto gli stranieri a pagare. Qualche straniero aveva con sé dei soldi e con una colletta hanno racimolato il denaro necessario a saldare il conto, o almeno una parte.

DENUNCIA PER FURTO Un altro algerino è stato invece fermato e denunciato dai “falchi” della Mobile, coordinati dal dirigente Alfredo Fabbrocini. Il giovane ha cercato di rubare qualcosa da uno zaino di una ragazza in piazza Matteotti. Identificato dai poliziotti in borghese, è risultato far parte del gruppo di algerini (153) arrivati la scorsa settimana. «Dopo i numerosi arresti dei giorni scorsi, continuano le scorribande di una parte degli algerini che sbarcano nelle coste della Sardegna», ha commentato Salvatore Deidda, portavoce regionale di Fratelli d’Italia. «Ora scopriamo che in trenta volevano consumare i prodotti in un supermarket senza pagare e che un altro straniero ha tentato di rubare uno zaino. Gli sbarchi diretti dall’inizio dell’anno sono più di 800 e si ipotizza una vera e propria organizzazione dietro i viaggi diretti verso la Sardegna. Non capiamo perché il governo italiano non coinvolga quello algerino e non emetta un provvedimento di rimpatrio immediato per chi commette reati».
(fonte)

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*