Maria Elena Boschi, è lei la donna più sexy del 2016 (almeno in politica). Le foto

Le mise 2016 di Maria Elena Boschi, Virginia Raggi e Agnese Renzi. Le foto

Il 2016 è stato un anno all’insegna dello stile nello scenario politico italiano. Ognuna con il suo tocco personale, le mise dell’ex first lady, Agnese Renzi; dell’ex ministro delle Riforme – oggi sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri del governo Gentiloni, Maria Elena Boschi; e il sindaco di Roma, Virginia Raggi, hanno fatto discutere.

Durante le uscite pubbliche e istituzionali nei 1011 giorni del governo Renzi, la moglie del presidente del Consiglio ha privilegiato gli abiti classici, molto femminili. Nero, bianco, verde bottiglia, rosa o avorio, i suoi sono sempre colori rigorosi. Un look in linea con il suo ruolo istituzionale: affiancare il premier nelle visite ufficiali e negli incontri con i capi di Stato e di governo.

Diverso l’incarico di Boschi, e diverso anche l’abbigliamento. Giacche, pantaloni e tailleur compongono il suo guardaroba. Simbolo della “rottamazione” generazionale promossa da Renzi, l’ex ministro Boschi ha azzardato nella scelta dei colori, molto più giovanili: arancione, verde fluo, viola. Lei però non sempre si è presentata in “divisa da ufficio”: ad alcuni appuntamenti ufficiali ha sfoggiato abiti da sera. Molto mediatica la scelta del vestito di seta per la prima di Otello al Teatro San Carlo di Napoli.

Lo stile del sindaco di Roma, invece, è più semplice e sbarazzino: veste quasi sempre pantaloni, magliette e giacchette. Non ha indossato un abito da sera nemmeno al red carpet della Festa del Cinema di Roma.

In quanto ai marchi, Boschi passa comodamente dagli abiti firmati Emilio Pucci alle giacche di Zara. Fedelissima allo stilista fiorentino Ermanno Scervino è la moglie del premier. La sera della sconfitta del 5 dicembre, durante la conferenza stampa post-referendum, ha indossato una maglia di Pucci da 720 euro che ha scatenato le critiche del web. Discreto l’abbigliamento del membro del Movimento 5 Stelle: si riconoscono soltanto le scarpe Nike e la tuta sportiva Adidas.
(fonte)

boschiFoto: Imagoeconomica

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*