No ai migranti dopo la bomba: i proprietari dell’agriturismo ritirano la disponibilità

Buddusò, no ai migranti dopo la bomba: i proprietari dell’agriturismo ritirano la disponibilità

migranti a cagliari

Migranti a Cagliari

Giovedì un attentato dinamitardo aveva distrutto l’agriturismo che avrebbe dovuto accogliere un gruppo di migranti.
Oggi Buddusò ha detto chiaro e tondo che ripudia la violenza ma non accoglierà i migranti.
I proprietari della struttura hanno fatto sapere oggi di aver ritirato la disponibilità ad accoglierli.
Questa mattina, in occasione di un Consiglio comunale straordinario, il sindaco Giovanni Antonio Satta ha detto che “troppo spesso gli amministratori sono lasciati soli. Abbiamo lavorato tanto per rendere il paese più accogliente”, ha aggiunto il primo cittadino riferendosi all’attentato, “ci abbiamo messo sei anni a riportare un po’ di serenità e in una notte hanno distrutto tutto”. (fonte)

Buddusò, bomba distrugge l’agriturismo  destinato all’accoglienza di migranti

Il segnale più forte, dopo i post violenti sui social, è arrivato nel cuore della notte, a Santa Reparata.

Ha risuonato dentro l’edificio che, stando alle indicazioni arrivate al Comune di Buddusò, potrebbe trasformarsi presto in un centro di accoglienza per richiedenti asilo.

 

Qualcuno ha sistemato e fatto esplodere nell’immobile un ordigno rudimentale, preparato con gelatina da cava.

La struttura, un agriturismo chiuso da tempo, è stata pesantemente danneggiata dalla deflagrazione.

I Carabinieri della Compagnia di Ozieri hanno aperto le indagini con i rilievi tecnici all’interno dell’immobile.

Il movente dell’attentato appare chiaro.

La bomba contiene un chiaro messaggio, indirizzato, non tanto al sindaco Giovanni Antonio Satta (che in definitiva non ha alcun potere, nell’allestimento e gestione dei centri per i rifugiati) quanto, piuttosto, alla Prefettura di Sassari e al governo nazionale.

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*