Rifugiato violenta e uccide la figlia di un funzionario Ue

Ha confessato il 17enne afgano indagato per la morte della 19enne Maria Ladenburg a Friburgo in Germania. Ma gli inquirenti continuano a indagare su un altro omicidio: il giovane migrante poteva essere un serial killer?

ragazzaViolentata e uccisa nel bosco, arrestato un richiedente asilo. Ma le indagini proseguono: il rifugiato potrebbe essere colpevole anche di un altro omicidio.

n Germania il caso del triste destino della figlia di un funzionario dell’Unione Europea potrebbe avere un epilogo ancora più inquietante.

Maria Ladenburger aveva solo diciannove anni, era una studentessa di medicina e faceva volontariato in un campo d’accoglienza. Il suo corpo senza vita è stato ritrovato a metà ottobre, sulle rive del fiume Dreisam a Friburgo. Era stata aggredita mentre tornava da una festa, su una pista ciclabile, trascinata a forza tra i cespugli di more, violentata e poi lasciata a morire, annegata, nel fiume. Il padre, funzionario dell’Unione Europea, aveva scritto con la madre un toccante necrologio sulla stampa tedesca.

Venerdì scorso, come riporta l’Express, è stato arrestato per quell’orrendo delitto un rifugiato afgano di 17 anni. A inchiodarlo, il suo Dna su una sciarpa della ragazza trovato sulla scena del delitto. L’immigrato ha confessato il delitto. Ma il caso, a quanto pare, non s’è concluso.

La polizia tedesca, infatti, sta studiando i possibili collegamenti tra l’uccisione della giovane studentessa e un altro efferato omicidio, quello della 27enne Carolin Gruber. Il cadavere della Gruber è stato ritrovato poco meno di un mese fa nei boschi a nord di Friburgo. Dai filmati delle telecamere a circuito chiuso visionati dagli investigatori emergerebbe la figura di un uomo che potrebbe essere compatibile con quella del 17enne afgano. Analogie ci sarebbero anche nel modus operandi del killer. Per ora nessuna conferma ma la macchina delle indagini sul caso del migrante presunto omicida e violentatore seriale di giovani ragazze tedesche s’è avviata.
(fonte)

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*