Roma. Australiana rapinata, pestata e stuprata da immigrato, è grave

Roma, australiana picchiata a sangue e violentata: è grave

La donna, nella capitale per motivi di studio, massacrata e poi abusata. E per uno stupro avvenuto il 25 settembre su una brasiliana arrestati tre uomini

Roma, australiana picchiata a sangue e violentata: è graveUna cittadina australiana di 49 anni è stata violentata, picchiata e rapinata la scorsa notte a Roma. Sulla vicenda sono in corso indagini della squadra mobile della capitale. La donna è arrivata in codice rosso all’ospedale San Giovanni con ferite al volto e nella zona inguinale.

Dagli accertamenti medici è stata riscontrata una violenza sessuale. Dalle prime informazioni, sembra che ieri sera fosse andata a ballare in un locale in zona Termini dal quale si sarebbe allontanata in compagnia di un uomo, di nazionalità romena a quanto raccontato agli inquirenti dalla vittima. I due, dopo un drink sono usciti insieme dal locale e hanno iniziato a camminare verso il centro.

Arrivati però a Colle Oppio l’uomo si è scagliato contro di lei, l’ha trascinata nel parco, l’ha picchiata, violentata e rapinata dei soldi e del cellulare. Ha perso i senti la vittima e ricorda solo vagamente i tratti somatici dell’uomo e la sua identità, che potrebbe essere falsa.  La donna, che si trova nella capitale per motivi di studio, è stata soccorsa da un passante e mercoledì sarebbe dovuta ripartire per Parigi.

Quasi irriconoscibile per le numerose ecchimosi al volto e sul corpo, fino al tardo pomeriggio è stata sottoposta a esami clinici e sedata.
Sotto shock, fatica anche a parlare, ha detto ai medici di volere soltanto riposare. E dimenticare.

Ma il caso della donna australiana non è l’unico episodio di violenza registrato nella Capitale negli ultimi giorni. Proprio oggi la polizia ha fermato tre persone, tra cui una donna, accusate di essere autori di una violenza sessuale di gruppo nei confronti di una cittadina brasiliana, avvenuta lo scorso 25 settembre in una baracca vicino alla stazione Tuscolana.

La donna, arrivata al pronto soccorso dell’ospedale in codice rosso, aveva raccontando di essere stata percossa, sequestrata e violentata da due uomini e una donna, compagna di uno dei due. A quanto ricostruito, si era rifiutata di avere rapporti sessuali con i due uomini. Segregata, le è stato anche impedito di andare in bagno. In ultimo, con i polsi legati dietro la schiena, è stata costretta a subire un rapporto sessuale.

Dopo di che, stremata, è svenuta per le violenze subite. Dopo essersi ripresa, scalza e sanguinante, ha approfittato di un momento in cui i suoi aguzzini stavano dormendo per scappare e raggiungere l’ospedale. Così é stata ascoltata dagli investigatori del Commissariato San Giovanni e da quelli del Commissariato Celio che sono poi arrivati a individuare i tre responsabili. (fonte)

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*