Trump mantiene la promessa: “Via subito 3 milioni di clandestini”

Trump conferma la costruzione della barriera anti immigrati al confine col Messico: “Parti di muro, altre di recinzione”

Donald Trump non si tira indietro. Adesso che è stato eletto presidente degli Stati Uniti è pronto a mantenere le promesse fatte in campagna elettorale.

A partire dalle espulsioni degli immigrati irregolari. “Quello che faremo – ha spiegato in un’intervista con 60 Minutes di Cbs – è buttare fuori dal Paese o incarcerare le persone che sono criminali o hanno precedenti criminali, membri di gang, trafficanti di droga”. Il provvedimento colpirà “due o tre milioni” di immigrati che risiedono clandestinamente negli Stati Uniti.

Durante la campagna elettorale contro la candidata democratica Hillary Clinton, Trump ha più molte volte promesso la costruzione di un muro alla frontiera messicana per ostacolare l’immigrazione. Adesso è già pronto a passare alle vie di fatto. Nell’intervista con 60 Minutesha, infatti, confermato l’intenzione di fortificare la barriera anti immigrati. Edificata in prima battuta nel 1994 durante la presidenza di Bill Clinton (guarda la gallery), la barriera sarà rafforzata con alcune parti in muratura e altre in recinzione. “In alcune aree il muro è più appropriato – ha spiegato il neo inquilino della Casa Bianca – sono molto bravo in questo, vale a dire nelle costruzioni, ci possono essere alcune recinzioni”.

trumpE, se da una parte ferma l’ingresso a nuovi immigrati, dall’altra si propone di cacciare tutti i clandestini che oggi si trovano sul suolo americano. Ne espellerà “probabilmente due milioni, possibilmente anche tre milioni”. Si tratta di stranieri “con precedenti penali”. “Ciò che faremo – ha spiegato nella sua prima apparizione televisiva dopo la vittoria alle elezioni – è prendere le persone che sono criminali e quelle che hanno precedenti penali, membri di gang, trafficanti di droga, probabilmente due milioni, possibilmente anche tre milioni, e li cacceremo dal Paese o li metteremo in carcere”. (fonte)

 
 
 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*